La persona anziana, la famiglia, la comunità - La Cura è di Casa

archivio notizie - La Cura è di Casa

La persona anziana, la famiglia, la comunità

 

Il progetto si rivolge alle persone ultra 65enni: gli anziani che hanno bisogno del sostegno dei servizi o degli assistenti familiari o che sono vicini alla perdita dell’autonomia, possono beneficiare di azioni di monitoraggio e servizi di prevenzione.

 

Il progetto “La Cura è di Casa” favorisce la permanenza dell’anziano fragile nella propria casa protetto da una rete di monitoraggio e sorveglianza. Solleva le famiglie dalla gestione quotidiana della persona, offrendo all’anziano servizi di socializzazione, accompagnamento e attività motorie, assistenza fisioterapica e infermieristica, supporto psicologico e aiuto nella vita domestica.

 

Un nuovo modello di welfare fornisce i servizi più tradizionali integrati con le attività del volontariato per gli ultra 65enni, in una nuova organizzazione territoriale.

 

Infine, l’attivazione di risorse della comunità locale e il supporto delle tecnologie digitali sono ulteriori strumenti di innovazione del progetto per migliorare la qualità di vita degli anziani.

 

Il volontariato organizzato:

il People Raising.

 

Donare se stessi alla persona che ha bisogno. Il progetto “La Cura è di Casa” organizza sia le persone che fanno già parte di associazioni di volontariato, sia i cittadini che in autonomia offrono tempo e competenza a favore delle persone fragili.

Come? Con una formazione adeguata, la creazione di una cultura comune e il coinvolgimento nelle azioni di sostegno agli anziani. Tutti possono essere protagonisti del welfare di comunità: i giovani e gli adulti in età attiva o già in pensione che vogliano donare il loro tempo e le loro capacità agli anziani del VCO.


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (155 valutazioni)